Do not understand italian language? No problem Click Here!

Storia


Nacque così nel 2009 il pollo poi registrato con il marchio e nome "Pollo Samoggia".

E' intenzione dell'azienda continuare l'opera di selezione della varietà Pollo Samoggia al fine di avere in futuro un prodotto unico, buono e ricercato per le sue qualità riconosciute dai clienti e dai pochi ristoratori che ne sono venuti in possesso.

Questo ibrido risponde a caratteristiche di sapore, consistenza e peso non superiore a 2,5 Kg pulito dopo un allevamento di non meno di 160 giorni. Per il lavoro di selezione e di fissazione dei caratteri vorremo avvalerci dell'Istituto di Zoocultura di Ozzano dell'Università di Bologna.

L'Azienda agricola Nicolò Ruggeri più conosciuta come "Microvita" alleva da anni anche insetti utili per il controllo biologico delle mosche negli allevamenti zootecnici e discariche urbane in tutta Italia.

Alleva altresì tarme della farina e grilli per il settore amatoriale della zoofilia e ornitologia. Questi allevamenti sono complementari all'attività imprenditoriale dell'azienda e garantiscono un ulteriore reddito familiare.

Pollo Samoggia è un marchio che include la produzione e il luogo dove avviene l’allevamento, la preparazione e la vendita dei nostri animali allevati su prato, liberi di razzolare e chiocciare fra erbe che non conoscono diserbanti.

Mangiare poco ma di ottima qualità, comprare alimenti privi di antibiotici, coloranti e conservanti!

Un pollo che sa di pollo, un uovo fresco che sa di uovo!

Team


Team




Michele Ruggeri.
Sono il fratello del titolare e mi sono diplomato in Agraria.
Il mio lavoro consiste nello svolgere diverse attività all'interno dell'azienda ma prevalentemente gestisco la produzione degli insetti.




Luigi Ruggeri.
Entomologo ambientalista, quarant’anni di esperienza con gli insetti, mi occupo della selezione delle razze all’interno dell’azienda.
Ho creato quest’azienda ma ora guardo i miei figli farla crescere.




Nicolò Ruggeri.
Sono il titolare dell’azienda nonostante abbia avuto un percorso umanistico al liceo delle scienze sociali.
Mi occupo prevalentemente dell’allevamento di polli da carne e galline ovaiole.




Giovanna Cadoni.
Ho studiato Sociologia alla Sapienza di Roma, ma dopo aver conosciuto Luigi mi sono appassionata al mondo degli insetti.
Faccio tutto quello che c’è da fare in azienda, per gli insetti ho passato il testimone a mio figlio Michele e ora mi occupo prevalentemente della gestione amministrativa.



Prodotti


Comprate sempre le uova?
Forse oltre all’uovo state acquistando qualche vaccino, un po’ di colorante e magari un po’ di antibiotico. Scegliete l’uovo che contenga solo uovo… come i nostri ad esempio. Magari da galline allevate su prato e non semplicemente a terra. L’uovo fresco è buono da bere, purché conosciate il produttore.
Piacere Nicolò Ruggeri.

Allevare un pollo dal primo giorno di vita per almeno 4-5 mesi e prepararlo scegliendo fra mille e mille ricette, da la garanzia di mangiare un cibo sano, leggero e saporito.
Una carne bianca che trasmette le sue proprietà organolettiche ricavate dal lungo razzolare nei prati a caccia di insetti, sassolini (per digerire meglio) e di fiori che gli animali in libero pascolo scelgono.
Un pollo certificato bio racchiude queste garanzie, lo sanno bene anche i ladri di polli e le volpi.
Pollo Samoggia, un pollo che sa di pollo!

Per passione alleviamo circa 12 razze di galline, quasi tutte le varietà italiane e altre straniere.
Una volta, ma non troppo lontana, ogni provincia e ogni paese aveva particolari razze di pollo che venivano gestite da donne e bambini quando gli uomini erano in campo per i lavori pesanti.
La gallina è fondamentale nell’economia domestica, produce uova e carne, elimina tutti gli scarti da cucina e lasciata libera nei campi mangia tantissimi insetti dannosi per l’agricoltura.
Per i brodi e i bolliti si preferisce una gallina matura che abbia già cominciato o finito la produzione di uova.
Le nostre galline mangiano mangime privo di coloranti e il colore della loro carne è conferito naturalmente dal mais e dalle erbe su cui razzola tutta la vita.

Se c’è una specie di “gallina” che l’uomo non è riuscito ad allevare è la faraona. Di origine africana, si comporta ancora in modo molto selvatico.
Forma un gruppo numeroso e molto molto rumoroso, passando il tempo a girovagare sui prati evitando la boscaglia.
Prevalentemente onnivora; produce una carne estremamente saporita e diversa da altri avicoli.
Proprio per i suoi aspetti così poco domestici non abbiamo sempre disponibilità di questo animale, ma quando c’è è bene richiederla!

Oca

Le oche da noi allevate sono sopratutto oche romagnole, bianche e imponenti. Contrariamente a quanto si crede, più che allevate è meglio dire custodite. Vivono in branco nei prati polifiti e sembrano un gregge sempre intento a pascolare erba.
Più che carne (richiesta da pochi intenditori) nel periodo primaverile offrono bellissime uova, strepitose per sfoglia e dolci.

Se cercate un’insetticida naturale ecco la soluzione: l’anatra. Libera al pascolo è in continuo girovagare a caccia di insetti, lumache, ghiande ecc..
Ama uno specchio d’acqua in cui nuota mantenendo le sue piume bianche candide e asciutte. Dico bianche perché l’anatra allevata in fattoria è l’anatra muta che garantisce una qualità della carne molto apprezzata.
Oltre alla famosa ricetta dell’anatra all’arancia, si presta in mille altri modi di cucinare.

I piccioni meriterebbero un’enciclopedia solo per loro. Da millenni l’uomo li ha allevati come fonte sicura di proteine, spesso nelle sue abitazioni o sotto i tetti. Non esiste casa colonica in Toscana e Umbria che non abbia la sua piccionaia.
I piccioni vengono allevati scegliendo la razza in base alla loro attitudine: da carne, viaggiatori, bellezza, acrobatici ecc…
Noi alleviamo piccioni da carne di razza californiana, seppure lasciati liberi non abbandonano la loro piccionaia dove proliferano in continuità per quasi tutto l’anno.

Ho contato nel libro genealogico 42 razze di coniglio. Di tutti i colori, forme, e grandezze. Allevati da carne e pelliccia.
Estremamente prolifero ma delicato, nel su habitat naturale è alla base di quasi tutte le catene alimentari. Anche l’uomo ne ha sempre apprezzato le carni bianche , dolci e saporite. Ottime per lo svezzamento dei bambini essendo molto digeribile per stomachi “stanchi”.
Noi lo alleviamo in stive molto spaziose integrando nella sua razione di cibo fieno polifita della Valsamoggia, pane secco, rami verdi di salice e altre piante che ama rosicchiare.

Galleria


Contatti


Aperti dal lunedì al venerdì 8.00-12.30, 15.00-18.00 e sabato 8.00-12.00
Via Ghiarino, 6, 40053 Crespellano Valsamoggia (BO)
+39 051 6722422
info@bioruggeri.it